Donazione per l'emergenza COVID-19

NOME *

COGNOME *

E-MAIL *

IMPORTO *

RENDI ANONIMA LA DONAZIONE

INFORMATIVA PRIVACY

INFORMATIVA RELATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PER IL SERVIZIO: DONAZIONI PER EMERGENZA CORONAVIRUS tramite PagoPA.

 

In armonia con quanto previsto dal Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali 2016/679 (di seguito, anche “GDPR”), dal D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, come novellato dal D.lgs. 10 agosto 2018, n. 101, il cui obiettivo è quello di proteggere i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche, in particolare il diritto alla protezione dei dati personali, è necessario che Lei prenda visione di una serie di informazioni che La possono aiutare a comprendere le motivazioni per le quali verranno trattati i Suoi dati personali, spiegandole quali sono i Suoi diritti e come li potrà esercitare.

 

Finalità e base giuridica del trattamento dei dati personali

Al servizio è connesso il trattamento dei dati personali obbligatori:

  • nome;
  • cognome;
  • indirizzo di posta elettronica.

 

I Suoi dati personali vengono acquisiti e trattati, nel rispetto del GDPR, al fine di permetterLe di effettuare donazioni per l’emergenza Coronavirus tramite PagoPA e di assicurare la corretta gestione dei relativi pagamenti.

 

La base giuridica del trattamento dei dati personali risiede nell’esecuzione di un contratto di cui l’interessato è parte ai sensi dell’art. 6, co. 1, lett. b) del GDPR.

 

Modalità del trattamento dei dati personali

Il trattamento è effettuato con l’ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e trasmessi attraverso reti telematiche.

Il Titolare adotta misure tecniche e organizzative adeguate a garantire un livello di sicurezza idoneo rispetto alla tipologia di dati trattati.

 

Titolare del trattamento

Titolare del trattamento è Regione Lombardia con sede in Piazza Città di Lombardia, 1 - 20124 Milano.

 

Responsabile della protezione dei dati

Il Responsabile della protezione dei dati (RPD) è contattabile al seguente indirizzo: rpd@regione.lombardia.it   

 

Comunicazione e diffusione dei dati personali

I Suoi dati personali sono trattati esclusivamente dal personale e da collaboratori di Regione Lombardia. Tali dati vengono trattati, nel ruolo di Responsabile del trattamento ex art. 28 del GDPR, da ARIA S.p.A. - Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti della Regione Lombardia, che svolge attività di gestione e manutenzione dei sistemi informativi per conto di Regione Lombardia.

Alcune operazioni di trattamento possono essere altresì effettuate anche da altri soggetti terzi, ai quali Regione Lombardia affida talune attività, o parte di esse, funzionali all'erogazione dei servizi. Su tali ulteriori soggetti, designati come Responsabili del trattamento, sono imposti da parte di Regione Lombardia, mediante contratto o altro atto giuridico a norma del diritto dell’UE o degli Stati membri, opportuni obblighi in materia di protezione dei dati personali attraverso istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione di misure tecniche ed organizzative adeguate, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati ex art. 32 del GDPR.

Al di fuori di queste ipotesi, i dati personali non saranno comunicati a terzi né diffusi, se non nei casi specificamente previsti dal diritto nazionale o dell'Unione Europea.

 

Tempi di conservazione dei dati

I dati personali saranno conservati per un periodo di tempo di 10 anni, in conformità ai termini di conservazione degli atti a fini fiscali.

 

Diritti degli interessati

Gli utenti possono esercitare i diritti di cui agli artt. 15 e ss. del GDPR, ove applicabili.

Le richieste per l’esercizio di questi diritti dovranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica presidenza@pec.regione.lombardia.it all’attenzione del Direttore pro tempore della Direzione Generale Presidenza, oppure a mezzo posta raccomandata all’indirizzo Regione Lombardia, Piazza Città di Lombardia 1, 20124 Milano all'attenzione del Direttore pro tempore della Direzione Generale Presidenza.

È sempre possibile, inoltre, esercitare il diritto di proporre reclamo ad un’Autorità di Controllo.